Tabelle running

 

Le tabelle di allenamento per un runner sono tutte rispettabili e ormai confermate dai tempi di chi le segue. Ve ne sono di tutti i tipi, in ogni sito che si occupa della corsa. Però, attenzione. La tabella in sé non è Vangelo, non è un dogma da rispettare. Ricorda che il miglior allenatore di te stesso sei tu. Perché sei tu che sai come ti senti quel determinato giorno, se ti va di correre o meno. Quindi, prendi la tabella con le dovute precauzioni, modellala su te stesso. Vedi a grandi linee quali sono gli allenamenti tipo di una settimana e lavoraci da solo o con l’aiuto di chi ne sa più di te, ma solo perché lo ha sperimentato in precedenza.

Ricorda che due allenamenti forti consecutivi si possono fare, tre no.

Dai il giusto peso al riposo, che non è perdita di tempo ma recupero fisico e soprattutto mentale.
In una settimana da 3 allenamenti suddividi in:
Martedi corsa lenta
Giovedi lavori     
Domenica medio lungo o gara

In una settimana da 4 allenamenti suddividili in:
Martedi  corsa lenta             

Giovedi lavori     
Sabato corsa lenta          
Domenica medio lungo o gara

In una settimana da 5 allenamenti inserisci il mercoledi.

La gradualità dell’allenamento è fondamentale per entrare in forma. Tale forma resterà così per poche settimane, dopo di che scadrà. Ti devi, quindi, prendere un po’ di riposo, forzato, e decrementare i carichi di allenamento. Inizierai daccapo con un nuovo programma differente dal vecchio sia come distanza che come obiettivo cronometrico. Lavora sulla tua testa, lavora sulla gestione della crisi. Se non sei forte in salita, abitua il tuo corpo alla salita. Sforzati, fai ripetute brevi o lunghe o progressivi in salita.

 Gestisci l’allenamento o la gara sulle tue sensazioni. Non credere mai che chi ti sta davanti non stia faticando, anzi.
La forza di un atleta sta nel credere in se stesso. Niente alibi, tutto è possibile, tutto è fattibile.

Prova tutte le varianti degli allenamenti (fartlek, variazioni, medi, ripetute, progressivi, corsa lenta, lunghi, lunghissimi) per non annoiarti mai.

Solo così otterrai miglioramenti.

Un in bocca al lupo a tutti coloro che seguiranno questi “modesti” consigli.

Il Presidente

 

I consigli del Presidente